Gestire un b&b: quali gli aspetti legali?

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

Se sei intenzionato a convertire la tua casa a bed and breakfast, le notizie in arrivo per te sono positive, per la maggiore, perché la vera natura del b&b permette ai clienti di assaporare tutto il calore tipicamente familiare di questi luoghi.

D’altra parte non sono solo rose, e gestire un b&b potrebbe essere comunque stressante di tanto in tanto, inizi compresi soprattutto se non sai da che parte cominciare, ma hai il desiderio di convertire la tua dimora a bed and breakfast.

Si tratta di esperienze molto valide per i clienti, perche riescono ad entrare in sintonia con il luogo grazie alla calorosita offrta dall’ambiente del b&b. Un’attività promossa dal Nord Europa, che in Italia ha raggiunto più di 20.000 famiglie che hanno aperto le loro case ad una nuova entusiasmante avventura.

Gestire un b&b può diventare molto gratificante, e per riuscire a gestire la tua struttura al meglio, dovrai assicurarti di svilupparla passo dopo passo, seguendo tutti i pochi ma necessari passi burocratici, cioè gli aspetti legali per gestire un b&b che ti pemetteranno di crearla al meglio.

Se non hai mai gestito nessuna attività prima d’ora, ma le agevolazioni fiscali ti spingono verso l’apertura di un b&b, anche se ci sono degli aspetti burocratici da seguire, per creare un’attività che abbia tutte le credenziali, per poter funzionare bene.

Ci sono dei passi fondamentali per aiutarti a rendere la tua attività davvero unica, facendola funzionare nel mgliore dei modi, cosi da permettere a te e ai tuoi clienti di passare del tempo piacevole.

Quali sono le differenze tra bed and breakfast e affittacamere?

Per essere considerato un bed and breakfast il numero massimo di posti letto che puoi mettere a disposizione ha un limite massimo, e per questo motivo non ti serve una partita iva oppure l’iscrizione alla camera di commercio.

Se vuoi e hai a disposizione più di 20 posti letto, questo dovrebbe essere il tetto massimo di persone per un b&b, ti conviene chiedere i permessi e le dovute pratiche burocratiche per diventare affittacamere.

Come si avvia l’attività di gestore?

Tutto parte dal tuo comune di residenza, grazie al quale puoi avviare la tua attività, compilando un modulo di INIZIO ATTIVITà che ti permetterà di cominciare.

Solitamente ci saranno sempre documenti da allegare. Se si tratta del tuo caso, la documentazione richiesta varia da regione a regione, tra i parametri richiesti solitamente la grandezza della struttura e il numero di camere con bagno ci sono da mettere a disposizione per il b&b.

Quali sono i requisiti della tua struttura?

Ci sono requisiti igienico sanitari e altri per la sicurezza dei tuoi clienti; anche in questo caso si assiste ad una variazione dei parametri riguardanti gli aspetti legali per la gestione del bed and breakfast, che dipendono dalla regione o anche dal comune di residenza.

I b&b sono considerate strutture ricettive, a conduzine familiare, munite di camere da letto e bagno, che provvedono alla prima colazione. Questa in linea di massima rappresenta la descrizione di un bed and breakfast.

In realtà, anche se in dimensioni ridotte, il suo funzionamento non diverge così tanto da quello del grande hotel di fama, si tratta dello stesso sviluppo e delle stesse accortezze, ma in scala più piccola; con il b&b si regala la possibilità di conoscersi in maniera più intima, proprio per la vera natura della conduzione familiare di un bed and breakfast.

Ci sono prima di tutto dei requisiti fondamentali di approccio con la clientela, modi di fare che fanno sempre piacere a tutti; se in realtà hai già deciso di aprire casa tua a degli sconosciuti, anche se clienti, quasi siuramente hai già una propensione verso la comunicazione e le persone in generale.

Abiti in un condominio e vuoi aprire un b&b?

Se abiti in un condominio e hai una o piu camere da letto da mettere a disposizione, prima di cominciare a chiedere i permessi al comune, devi organizzare un’assemblea condominiale, nella quale esporrai le tue intenzioni di apertura di attività, con clausole annesse, anche per la sicurezza degli altri condomini, e non ti resterà altro che fare le votazoni, il voto maggiore vince.

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone
Ilaria Castelli

Ilaria Castelli

Web Content Writer, Interprete, Traduttrice e Consulente. Vive a Londra da molti anni, anche se ama dividersi tra la sua amata Italia e il Regno Unito. Laureata in Filosofia presso il Birkbeck College, University of London. Appassionata di viaggi e di scrittura, sempre alla ricerca di nuove idee. Web Content Writer, Interpreter, Translator and Consultant. She lives in London since 2006 and she spends her time between her beloved Italy and the United Kingdom. She graduated in Philosophy at Birkbeck College, University of London. Passionate about travel and writing, always looking for new ideas.

You may also like...