Come Trovare Clienti per il Bed and Breakfast

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

Un sito Web ben realizzato e posizionato su Google ha un importante impatto sulle vendite, ma c’è un fatto che bisogna considerare nel momento in cui si va a progettare la propria strategia di Web Marketing: Facebook sta diventando un nuovo motore di ricerca per prodotti, servizi e Bed and Breakfast. Negli ultimi due anni, l’industria turistica ha iniziato ad investire molto sui Social Network, consapevole che essere presenti con una pagina aziendale su Facebook è tanto importante quanto farsi trovare su Google.

Perchè è importante che il tuo Bed and Breakfast sia presente e attivo sul social network?

Perchè gli utenti valutano le aziende anche in base alla cura che dedicano ai loro profili social
Perchè un’azienda con molti Fan ha più possibilità di attrarre clienti online
Perchè il 58% degli utenti vorrebbe interagire con le aziende su Facebook, Twitter o Google+
Perchè le scelte dei consumatori sono influenzate dai social network e se voi non siete presenti e attivi nel proporre i vostri prodotti o servizi…lo saranno i vostri competitor

Al giorno d’oggi i social media permettono di generare relazioni tra una società e il cliente/partner/ utente. Gli strumenti Social cambiano in continuazione: da Facebook a Twitter, a Foursquare ma ciò che rimane sono le relazioni. Per svilupparle con successo, le aziende devono modificare la propria strategia. Tutte le società vogliono ascoltare e imparare, monitorare e seguire i clienti, avere un dialogo o supportarli nelle loro attività. E questo è possibile attraverso le tecnologie Social.

Ciascun cliente ha un determinato livello di coinvolgimento con i Social: c’è chi osserva, condivide, commenta, crea contenuti e, al vertice, chi li gestisce. La condivisione è, infatti, la base del rapporto tra cliente e azienda, nonché la base della leadership: significa avere molti follower e richiede la fiducia e l’umiltà di delegare alcune cose perché non si può controllare tutto. È necessario essere autentici e trasparenti, aperti nella condivisione delle informazioni e nella presa delle decisioni.

Bisogna dunque definire una strategia di coinvolgimento. Il primo passo è ascoltare e imparare dall’utente. A ciò può far seguito una strategia di condivisione, ma prima ci deve essere un’organizzazione del dialogo stesso.

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

You may also like...