Come far conoscere un B&B all’estero

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

E´indubbiamento risaputo che l´Italia rappresenta uno dei piu´grandi e famosi paesi per il suo patrimonio naturale, artistico e paesaggistico. Secondo un attenta analisi di Confturismo:”Negli ultimi sei anni, gli arrivi dei turisti stranieri nel nostro paese sono aumentati di 8 milioni passando da quasi 42 milioni del 2008 a poco più di 50 milioni del 2014, anno che ha registrato oltre 184 milioni di pernottamenti per una spesa di 34 mld di euro. Ma dall’analisi comparativa con i due paesi competitor più vicini all’Italia, emerge che in Spagna, dove il numero di arrivi internazionali nel 2014 (50,8 mln) è simile a quello dell’Italia, le entrate valutarie sono molto maggiori (49 mld), così come in Francia che ha visto 42 mld di entrate con un numero di arrivi (46 mln) addirittura inferiore a quello dell’Italia. Il risultato è che in Italia la spesa per arrivo è di 681 euro, in Francia di 914 euro ed in Spagna di 959 euro. In Italia gli stranieri spendono meno perché minore è la spesa media per pernottamento (un turista straniero spende 312 euro in Francia, 186 in Italia) e perchè più breve è la durata del soggiorno (la permanenza media è di 5,1 giorni in Spagna e di 3,7 giorni in Italia). Tutto ciò fa sì che al turismo italiano manchino all’appello circa 14 miliardi di entrate valutarie (quasi 1 punto di Pil), che si avrebbero se il nostro paese avesse il livello di permanenza media della Spagna. La mancata valorizzazione di elementi attrattivi, una scarsa integrazione dei servizi sul territorio, un deficit infrastrutturale fanno sì che il nostro Paese non sia in grado di proporre ai turisti stranieri un “bouquet” di offerta più ampio e, dunque, maggiori occasioni di spesa. Occorre, dunque, puntare su tutte le tipologie di turismo che caratterizzano l’offerta italiana e sul potenziale di crescita del Mezzogiorno che, con solo 6 milioni di arrivi sui 50 complessivi, dà la dimensione dello scarso utilizzo della sua capacità attrattiva.

Appare quindi incontestabilmente importante per tutti i gestori di strutture alberghiere in Italia di avere una presenza online che permetta di poter pubblicizzare la propria struttura all´estero. Una domanda molto frequente e´quella di “Come far conoscere un B&B all’estero“.

Per rispondere a questa domanda, occorre far presente che esistono diversi sistemi tra i quali i banner di Google Adwords, affiliazioni e altro ancora. Per quanto riguarda la promozione di Bed and Breakfast all´estero occorre far presente che esistono moltissimi siti internet e portali dove é possibile registrare la propria struttura in modo gratuito e ricevere bookings, richieste e prenotazioni.

Esistono purtroppo diversi svantaggi dalla promozione della struttura su portali che pur offrendo un iscrizione gratuita, presentano diversi punti deboli come ad esempio:

  • Alti costi di commissione, provvigione finale sulle prenotazioni
  • Rigido, non c’è contrattazione sul prezzo
  • Si tratta di un sistema impersonale

Un alternativa molto valida e´invece quella offerta da BedandBreakfastEuro.com. BedandBreakfastEuro rappresenta il sito di riferimento per quanto riguarda i Bed and Breakfast in Europa. Far conoscere il proprio B&B all´estero diventa molto facile in quanto il sito internet racchiude un elenco di oltre 85,000 B&B in tutta Europa meta di riferimento di centinaia di migliaia di potenziali clienti che ogni giorno sono alla ricerca della struttura migliore dove trascorrere le loro vacanze.

Aggiungi il tuo bed and breakfast e aumenta i tuoi booking e prenotazioni, nessuna commissione, provvigione, costo sulle transazioni e prenotazioni, ricevi richieste di prenotazioni senza limiti.

 

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

You may also like...