Come aprire un bed and breakfast

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

Come aprire un bed and breakfast?

Aprire un Bed and breakfast é per molte persone un modo per condividere la passione per la natura con l´utile derivante dall´attivita´imprenditoriale. Gestori di bed and breakfast non ci si improvvisa, il mercato e´in aumento e i clienti pretendono sempre piu´una buona struttura ricettizia con servizi, strutture e organizzazione.

Per poter aprire un bed and breakfast ci sono alcuni requisiti da dover rispettare:

  • È obbligatorio disporre di un numero massimo di tre camere (la regola varia da regione a regione) arredate con letto, armadio, comodini, lampade, sedie e gettacarte, per un massimo di 6 posti letto.
  • Le camere. Dovranno avere una superficie minima 14 mq per la doppia, 8 mq per la singola.
  • Il bagno. Dovrà essere completo di water, bidet, lavabo, vasca o doccia, specchio, presa di corrente e chiamata di allarme. Non è previsto l’uso di un bagno privato per gli ospiti, sarà possibile condividerlo con i clienti.
  • Verificare che l’impiantistica e la struttura siano conformi alle leggi vigenti e che il regolamento di condominio non precluda l’apertura di esercizi di bed and breakfast.
  • Assicurare un servizio di prima colazione: i cibi e le bevande devono essere preconfezionate e non manipolate.

E’ fondamentale  essere il proprietario o comproprietario dell’appartamento e deve avere la residenza li. Se l’appartamento è in affitto bisognerà fornirsi di un foglio chiamato “Atto di Assenso” dove il proprietario vi darà il consenso a svolgere l’attività di b&b.

Per avviare l’attività bisogna recarsi presso l’Ufficio Turistico del proprio Comune oppure presso l’Azienda di Promozione Turistica per presentare la domanda di inizio attività.

Occorre compilare e consegnare l’apposita modulistica, allegando inoltre le dichiarazioni di conformità dell’impianto elettrico, di quello di riscaldamento e l’autocertificazione del possesso dei requisiti tecnico e igienico-edilizi previsti dai regolamenti comunali.

Comunicare al Comune i prezzi che si intendono praticare: i prezzi con il timbro del Comune andranno poi affissi dietro alla porta della camera degli ospiti. La valutazione spetta al Comune che dovrà effettuare un sopralluogo per testare i suddetti requisiti. Se tutti i requisiti sono conformi il Comune provvederà a inserirvi nell’albo degli operatori Bed & Breakfast della Regione.

È obbligatorio un’interruzione di almeno 90 giorni, anche non consecutivi, nel corso dell’anno. In questo caso non serve l’apertura della partita IVA: non si dovrà rilasciare alcun documento fiscale all’atto del pagamento.

Condividi questo articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

You may also like...